L’ora del tè

Standard

Sono le 5 pm ed una signora perbene non può continuare la giornata se non si ferma giusto quei tre quarti d’ora per gustare degli ottimi biscotti allo zenzero accompagnati da una buona tazza di tè verde. Il limone, si sa, è bandito. Volete ancora usare quelle orrende tazze anonime e orripilanti che avete preso al supermercato con quelle stupide raccolte punti facendovi credere che la fedeltà a quel venditore valga il vostro buongusto? Non sia mai. Che nella vostre credenza ora e sempre giacciano, in assoluta armonia coi pizzi ben sistemati ai bordi degli scanni del nostro mobile, queste meravigliose tazze da tè. Servizio da quattro, formazione ideale per una gratificante partita a canasta, con cucchiaino compreso. Per noi, che abbiamo superato abbondantemente la cinquantina con i nostri ormoni che han fatto le valigie e si son trasferiti verso zone recondite del nostro corpo, è un diritto ricordare i tempi della gloriosa età in fiore che tanta soddisfazione diede a noi e ai nostri amanti. Cosa c’è di meglio di una tazza che prende la forma di un lussureggiante papavero rosso, in memoria di quando mettevamo fiori rossi sulle nostre fulgenti chiome color del grano? Diventare per un giorno una delle fanciulle di Gauguin è un sogno che può diventare realtà, basta stringere tra le mani la tazza con i conturbanti ibiscus in memoria delle nostre danze estive nelle balere romagnole in cui davamo mostra delle nostre magnifiche gambe scoprendole dal ginocchio alla caviglia. E di tutte le nostre donazioni alla parrocchia concesse in favore dell’Africa non ne vogliamo avere simbolo tangibile? Come non ricordarsene con la tenerissima tazza con giraffa e giraffino, che tanto ricorda la maternità in bisquit che teniamo sul comò della nostra camera da letto? E non parliamo della tazza con leone che, a me personalmente, ricorda il mio amato, defunto e unico marito.

Pina de Bernardis

Annunci

»

  1. Sign.ra De Bernardis… so poche di lei … ma è come se la vedessi: seduta alla sedie con una gamba sopra l’altra a bere il suo tè …
    matali oscar

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...