Archivio mensile:febbraio 2012

L’ora del tè

Standard

Così la coscienza ci fa tutti vili
e così il colore innato della risolutezza,
lo si rovina con una squallida gettata di pensiero
e le imprese d’alto grado e il momento,
proprio per questo, cambiano il loro corso
e perdono persino il loro nome di azioni

“Amleto adesso basta, metti giù quel coso e vieni a tavola…lavati le mani…è l’ora del tè!”

Annunci

Vetroresina 180X75

Standard

Mi son spesso chiesto come facessero a guadagnare quei siti on line che producono e vendono statue in vetroresina di santi e madonne. Sì, la mia vita è spesso piena di domande del tutto inutili. Così, girovagando per la rete ho scoperto che più d’una di queste aziende, all’apparenza fatte di devoti cultori di Padre Pio, produce in serie statue che ho visto anche di recente all’interno di ambigui bar della Baviera! Un esempio lampante è offerto dall’immagine qui sopra riportata: con il san Sebastiano con tanto di asciugamano da sauna in vita, la riproduzione di un “parrucchiere di città” (così recita la didascalia del sito che la vende ad  € 615,00 più IVA!) – mi resta inevasa la curiosità per il parrucchiere di provincia – ed infine (altra illuminante didascalia) “L’uomo muscoloso”. Ora, metti che un impiegato si sbagli nelle spedizioni e l’uomo muscoloso arrivi presso la parrocchia di Sant’Eufemio martire…Oddio, tanto chi può sapere davvero che faccia aveva Sant’Eufemio, magari la vecchina una prece gliela concede lo stesso!

Grande Torino in… cenere

Standard

Aereo posacenere

Quale mente criminale può aver partorito questa atrocità? Un posacenere a foma di aereo – e fin qui siamo nell’eversione, al limite anche nella perversione, estetica, già estrema ed efferata di per sé, indice di una sicura forma di disturbo mentale piuttosto grave – con le effigi dei calciatori del Grande Torino morti nella Tragedia di Superga e la scritta “I campioni del Torino – Superga 4 maggio 1949” – e qui dall’efferato si a passa in un sol istante allo sleazy, al gore, al cannibalismo, al crimine contro l’umanità: non c’è perdono, non c’è salvezza! L’aereo che si schianta, la vita dei giocatori in fumo, la cenere che si deposita sulle ali… A dir poco imbarazzante. Leggi il resto di questa voce

PC guardian angel (glow-in-the-dark)

Standard

Glow-in-the-dark AngelGrazioso accessorio fra il sacro e il tecnologico, il piccolo Angelo Custode per PC ha il biadesivo sulla base per poter essere posizionato in cima al monitor e proteggere l’apparato elettronico da temutissimi crash di sistema! Essendo fosforescente, suppongo anche che servisse in caso di black-out. Ottimizzato per monitor a tubo catodico e OS Windows 98, dubito che vi siano upgrade disponibili…

Leggi il resto di questa voce

Il dente del giudizio universale

Standard

Dente PosacenereIn merito all’evidente acceso sadismo dei dentisti ce ne sarebbe da scrivere a iosa… già nel film La piccola bottega degli orrori (sia quello del ’60 di Corman che quello dell’86 di Oz) il rapporto sadomasochista tra dentista e paziente viene esplicitato in tutta la sua perversione: il dentista gode nel procurare dolore ai suoi pazienti e solo un profondo masochista può provare piacere nel sottoporsi ai suoi strumenti. Il dentista è un perverso aguzzino e il suo studio una camera delle torture, e si sa, alla vittima, prima di venir sottoposta al martirio, devono essere mostrati gli strumenti – si dice infatti che accadesse talvolta, durante il Medioevo, che il prigioniero confessasse così ancor prima di essere stato sottoposto ad alcun tormento: bastava la visione di tali attrezzi per terrorizzare il malcapitato e fargli ammettere anche colpe mai commesse. Identico intento ha nei moderni studi odontoiatrici l’esposizione di tutta una serie di immagini orripilanti nei salottini di attesa: denti trapanati, otturazoni, gengive sanguinanti, operazioni, malattie, schemi e disegni, incutono terrore al paziente ancor prima che le mani del cavadenti comincino ad operare.  Ecco così che si palesa immediatamente lo scopo di questo manufatto: un posacenere a forma di dente che l’aguzzino in camice bianco espone con efferata crudeltà nel salottino d’attesa del suo studio, così da far tremare lo sventurato paziente che, a causa, spesso, di una cattiva igiene orale, si trova ora a dover ricorrere a queste estreme misure. Ecco, la macchina della tortura è ben oliata e il carnefice pronto per eseguire la sua opera: al condannato non spetta che fumare l’ultima sigaretta…

Grazie a Monkishiro per l’oggetto.

Glow-in-the-dark praying hands

Standard

glow in the dark hands
Deliziose e ispiratrici, le piccole mani giunte che pregano, montate su base in plastica comodamente posizionabile ovunque;  rigorosamente “glow-in-the-dark” per il credente che deve sempre vedere la luce, rigorosamente “made in the u.s.a”… Leggi il resto di questa voce

La palla di vetro dell’ultima cena

Standard

I negozietti gestiti da cinesi, quelli che vendono un pò di tutto e spesso niente di buono, a volte nascondono delle incredibili sorprese, come questa meravigliosa “Palla Di Neve”, accessoriata con portapenne, contenente nientemeno che la rappresentazione dell’ Ultima Cena! Impossibile lasciarla sullo scaffale…

Leggi il resto di questa voce