Archivio mensile:aprile 2014

Portarosario San Sebastiano

Standard

È chiaro, la vostra fede nell’eversione estetica si concretizza con gadget devozionali intensi ed emozionali, che vi portino immediatamente alla mente ciò a cui aspirate nella vita terrena e ultraterrena e che trova da secoli perfetta incarnazione e simbolo nell’icona di un santo martire come San Sebastiano.
Da accomodare comodamente sul comodino e rivolgergli uno sguardo pieno di fervore religioso prima di addormentarvi, collocandovi il vostro “rosario” preferito… verrete immediatamente inondati da una calda estasi divina!

Lo trovate a € 39.00 su holyart.it (nello stesso sito disponibili anche diverse statue in più dimensioni dello stesso personaggio).

Annunci

La primavera

Standard

tumblr_n3ma7fSg2V1qfvuj8o1_1280

 

Quando un ceramista in evidente stato confusionale dovuto ad eccessivo consumo di zuccheri incontra l’estetica di Walt Disney e pensa di far affari con delle vecchiette che spostano i soprammobili a seconda della stagione! Ne voglio uno immediatamente!

Busto-telefono

Standard

busto_telefono

Siano sempre lodati certi negozietti che alla voce “lista nozze”, tra un cigno di porcellana di trenta chili e una famigliola di ochette da comodino, ci offrono oggetti che alla genialità del designer aggiungono un’estrema utilità. Il valore d’uso del busto-telefono è infatti indiscutibile, ma lo splendido aggeggio vi permetterà di arricchirvi di quel tocco glamour che non fa mai male.

From Paris with love

Standard

Parigi, si sa, ha due principali attrazioni, la seconda è la Tour Eiffel. E se gli appartenenti alla specie maschile vanno nella ville lumiére per la prima, di cui trovano abbondante distribuzione lungo il Boulevard de Clichy, alle signore non resta che concentrarsi sulla seconda. Allo scopo è stato concepito un giocattolo erotico sulla cui sommità è montato un fallo di plastica, che può essere fatto passare facilmente per uno spiritoso souvenir ed è tranquillamente acquistabile nel quartiere a luci rosse della capitale francese.
In lingua d’oïl computer si dice ordinateur, sullo stesso ordine di idee, il dildo (che in italiano chiamiamo più spesso vibratore, rischiando di generare confusione, perché ci sono anche vibratori che hanno altre funzioni) viene chiamato stimulateur. Così, quando vi presentate alla dogana aeroportuale e vi chiedono se avete “un ordinateur”, nella tensione del momento, potreste anche rischiare di fare confusione e tirare fuori dalla valigia la collezione di stimulateur che avrete acquistato a Pigalle. Fate attenzione.
In ogni caso, se non avete avuto il coraggio di entrare in un sexy shop parigino per acquistare lo stimulateur a forma di Tour Eiffel, potete sempre farlo andando sul sito shopoon.fr, dove ne troverete di tutti i colori.

Ringraziamo Roberto “Kalamun” Pasini per la segnalazione.

Tulip Hub

Standard

Tulip Hub“Che confusione… sarà perché ti amo!” Essì, la confusione fa fare strane cose, specie, se, per mettere ordine, ci si affida ad oggetti concepiti con una ferocia estetica degna delle orde di crociati che assalivano i villaggi della Palestina nel Medioevo.
Ma la perversione estetica non è rimasta ferma al souvenir, antico oggetto sopravvissuto in quest’era multimediale: si è aggiornata, applicandosi nella maniera più spavalda anche ad accessori tecnologici moderni quali, ad esempio gli hub USB.
In questo caso se per ordinare le periferiche del vostro PC portatile (in un PC fisso, basterebbe aggiungere un’invisibile schedina interna), ecco un hub a forma di vaso di tulipani.
Brutto? No, peggio, orrendo.

Souvenir de Paris

Standard

Cavatappi ParisTornarsene da Parigi senza un souvenir è quasi un insulto. Banale la Tour Eiffel che trovate in ogni foggia e in ogni dimensione ad ogni angolo di strada. L’Eversore Estetico degno di questo nome non potrà che unire l’inutile al dilettevole e procurarsi un cavatappi eversivo con la scritta “Paris” disegnata da un bambino della prima elementare, che ripete la foggia di noti monumenti della ville lumiére, compreso un Arc de Triomphe messò lì un po’ a casaccio dal momento che una “M” in “Paris” non c’è.
Aggiungendo che l’occhiello del cavatappi, in questo parstrocchio, può apparire come una “O”, come effetto collaterale c’è così il pericolo di leggere “PmARISO”…

Cigno Nero

Standard

Cigno Nero

Per te, Cigno Nero che perfida sogni di librarti nell’aria al di sopra di tutti gli altri cigni bianchi, mediocri comparse che affollano la tua esistenza e che ingombrano la vista al tuo splendore, il giusto piedistallo per la tua maestosa eleganza non può che essere questo paio di scarpe. Rigorosamente con i tacchi alti.

Trovato su Parole per aria.