Archivio dell'autore: oyrad

Vaso con cani da caccia…

Standard

null

Mia nonna teneva questo coso sul cassettone in camera da letto: è un vaso di ceramica con due cani da caccia, forse la madre e il suo cucciolo ormai cresciuto. Come il Topo Gigio, Anche questo oggetto doveva essere entrato a casa di mia nonna accompagnando un uovo di Pasqua, che se ne stava appoggiato, in bilico, come si può intuire, sull’imboccatura del vaso. Chissà quale idea di lusso riusciva a comunicare, allora, un simile soprammobile – la ceramica luccicante, le dorature, i colori cangianti… Mi viene in mente, per immediata associazione, il rilievo in gesso invetriato che ornava l’ingresso del palazzo di periferia dove, appunto, abitavano i miei nonni: il rilievo raffigurava due stambecchi, madre e cucciolo… Mamma cane con cucciolo… Mamma stambecco con cucciolo… Si dovrà indagare, prima o poi, sul successo di questi soggetti, diffusi spesso fra i soprammobili delle case popolari che, non senza  vanità, tentavano di darsi qualche pretesa borghese. All’origine di tutto metterei i soprammobili che raffigurano Bambi, il protagonista strappalacrime del tristissimo film Disney; il cerbiatto che si trova in tante versioni di ceramica, più o meno fedeli, più o meno belle, in vendita ancora oggi, nei mercatini dell’usato o in rete – e catalogate sotto categorie come “modernariato” o “vintage”.

Annunci

Topo Gigio di ceramica!

Standard

La Pasqua incombe… così vado a rispolverare (con la mente) il Topo Gigio di ceramica di mia nonna… o meglio, di mio nonno: lei lo odiava, lui lo adorava. Un giorno mia nonna lo aveva fatto cadere deliberatamente, e la testa si era staccata dal collo. Mio nonno l’aveva raccolta, incollata al collo, e come se nulla fosse accaduto aveva rimesso il Topo Gigio di ceramica al suo posto – al centro della credenza anni Settanta che aveva sostituito, ormai da anni, il vecchio buffet in stile Chippendale. Ma la Pasqua cosa c’entra? Semplice: questo enorme soprammobile di ceramica serviva in origine ad accompagnare un grande uovo di cioccolato, che trovava posto sul barile stilizzato montato alle spalle di Topo Gigio. Finito l’uovo, restava il soprammobile da usare come vaso: io lo ricordo pieno di fiori secchi, sostituiti, negli ultimi tristi anni, da mazzetti di roselline rosse in PVC.