Archivi tag: Parigi

From Paris with love

Standard

Parigi, si sa, ha due principali attrazioni, la seconda è la Tour Eiffel. E se gli appartenenti alla specie maschile vanno nella ville lumiére per la prima, di cui trovano abbondante distribuzione lungo il Boulevard de Clichy, alle signore non resta che concentrarsi sulla seconda. Allo scopo è stato concepito un giocattolo erotico sulla cui sommità è montato un fallo di plastica, che può essere fatto passare facilmente per uno spiritoso souvenir ed è tranquillamente acquistabile nel quartiere a luci rosse della capitale francese.
In lingua d’oïl computer si dice ordinateur, sullo stesso ordine di idee, il dildo (che in italiano chiamiamo più spesso vibratore, rischiando di generare confusione, perché ci sono anche vibratori che hanno altre funzioni) viene chiamato stimulateur. Così, quando vi presentate alla dogana aeroportuale e vi chiedono se avete “un ordinateur”, nella tensione del momento, potreste anche rischiare di fare confusione e tirare fuori dalla valigia la collezione di stimulateur che avrete acquistato a Pigalle. Fate attenzione.
In ogni caso, se non avete avuto il coraggio di entrare in un sexy shop parigino per acquistare lo stimulateur a forma di Tour Eiffel, potete sempre farlo andando sul sito shopoon.fr, dove ne troverete di tutti i colori.

Ringraziamo Roberto “Kalamun” Pasini per la segnalazione.

Souvenir de Paris

Standard

Cavatappi ParisTornarsene da Parigi senza un souvenir è quasi un insulto. Banale la Tour Eiffel che trovate in ogni foggia e in ogni dimensione ad ogni angolo di strada. L’Eversore Estetico degno di questo nome non potrà che unire l’inutile al dilettevole e procurarsi un cavatappi eversivo con la scritta “Paris” disegnata da un bambino della prima elementare, che ripete la foggia di noti monumenti della ville lumiére, compreso un Arc de Triomphe messò lì un po’ a casaccio dal momento che una “M” in “Paris” non c’è.
Aggiungendo che l’occhiello del cavatappi, in questo parstrocchio, può apparire come una “O”, come effetto collaterale c’è così il pericolo di leggere “PmARISO”…